Alluvione Benevento: attivati psicologi

3860-beneventoALLUVIONE BENEVENTO: ATTIVATA TASK FORCE PSICOLOGI NEL SANNIO

Uno sportello d’ascolto gratuito, un intervento nelle scuole e un numero telefonico dedicato per le emergenze. Si sostanzia così l’impegno dell’Ordine degli Psicologi della Campania per le vittime dell’alluvione che ha colpito il Sannio.

Già nella mattinata di venerdì, quando è partita la conta dei danni, il presidente Antonella Bozzaotra ha contattato il sindaco di Benevento, Fausto Pepe, per esprimere solidarietà e vicinanza e per offrire la piena disponibilità’ ad allestire sul territorio una task force per un primo intervento psicologico in emergenza. Nell’incontro tra i referenti dell’Ordine campano con i delegati del Comune e dell’Asl sono stati definiti modi e tempi dell’intervento.

“Abbiamo innanzitutto attivato un indirizzo di posta elettronica, psicologiemergenzasannio@ordpsicamp.it – spiega Bozzaotra – dove gli psicologi possono scrivere per dare la propria adesione. Abbiamo quindi aperto una linea telefonica sul numero 3341350385, che sarà attiva dalle 9 alle 19 di tutti i giorni compresi il sabato e la domenica, e uno sportello di ascolto a Benevento, anche per i familiari delle vittime, che funzionerà dalle 9 alle 12,30 e dalle 16 alle 19 di tutti i giorni”.

L’Ordine sta intervenendo anche in provincia: “per il momento siamo in contatto con il Comune di Paupisi – aggiunge Bozzaotra – uno dei più colpiti dall’alluvione, e anche qui organizzeremo una task force. Intendiamo infine realizzare interventi nelle scuole della zona per parlare con i bambini e per consentire loro di cominciare l’elaborazione di questo processo che li ha visti purtroppo vittime”.

La presidente dell’Ordine campano commenta poi la decisione di alcuni cittadini di Benevento, che avrebbero trascorso la notte in macchina per non allontanarsi troppo dalle proprie abitazioni. “Se così fosse si tratterebbe di un comportamento irrazionale e pericoloso – sottolinea – perché dormire nelle auto non riduce il rischio a cui si potrebbe andare incontro in caso di nuove precipitazioni eccessive. È il segnale di una popolazione che è sotto shock e questo conferma la bontà della nostra decisione di attivare un intervento psicologico dell’emergenza”.

Altri articoli che potrebbero piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più Leggi informativa.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi